www.fondazionecuore.it
E-MAIL | HOME
             



MODA, BELLEZZA E SCIENZA UNITE PER LA SALUTE DELLE DONNE CONTRO LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

I PEZZI ESCLUSIVI DISEGNATI DAI FINALISTI DEL CONCORSO WHO IS ON NEXT? 2009 PER RED DRESS ITALIA OGGI POSSONO ESSERE TUOI


Gli abiti e gli accessori disegnati e donati a Red Dress Italia dai finalisti di Who is on Next? 2009, il concorso di scouting piu’ atteso dal fashion system internazionale organizzato da Altaroma e Vogue Italia, raggiungono oggi l’obiettivo per cui sono stai creati: sostenere la Fondazione Italiana per il Cuore nel raccogliere fondi per la ricerca contro le malattie cardiovascolari nelle donne.
Luglio 2009: Il colore rosso ha illuminato le passerelle di Altaroma dando vita a Tribute to Red Dress, una sfilata in red ideata per accendere i riflettori sull’emergenza sociale del nuovo millennio: le malattie cardiovascolari sono il killer n. 1 per le donne. Ogni anno, a causa di queste patologie, muoiono nel mondo 17.5 milioni di persone, di cui 8.6 milioni sono donne. Oltre 131.000 sono italiane. E le donne non lo sanno.

Moi Multiple, David Wyatt, Marco de Vincenzo, Daniele Michetti, LeitMotiv, Gianni Serra e Villador hanno accettato la sfida e colto l’opportunità di creare qualcosa di speciale per tutte le donne:

Sette creazioni uniche per sconfiggere questo killer silenzioso.


DANIELE MICHETTI
Sandali creati in esclusiva per Tribute to Red Dress, realizzati in raso rosso tempestato di cristalli swarovsky, con pianta in morbido suède. Il tacco a stiletto di 12 centimetri è lucido. Numero 37.

L’eccletticità dello stile, la femminilità del tacco e la seduzione degli swarovsky sono la mia espressione come tributo al Red Dress.
Onorato di aver ricevuto l’opportunità di poter partecipare al progetto, ringrazio la Fondazione Italiana per il Cuore e Elizabeth Arden per il loro lavoro di raccolta fondi a favore della ricerca. La ricerca, come nella moda, porta all’evoluzione.
” Daniele Michetti

DAVID WYATT
Le scarpe create da David Wyatt si chiamano Baby Satellite e sono realizzate in satin rosso e paiellettes rosse esclusivamente per Elizabeth Arden e per Fondazione Italiana per il Cuore in favore di Red Dress Italia. Plateau di cm. 1.5, tacco a stiletto di 11 centimetri. Numero 37.

GIANNI SERRA
Gianni Serra ha immaginato un Red Dress costruito su "frammenti" che, usando il corpo femminile come traccia e ispirazione, ricreano la sinuosità e le forme di cui esso si compone. Il Red Dress esprime la voglia di purezza estetica di Gianni Serra: lino seta e cotone ricompongono un corpo femminile in cui i frammenti scarlatti lasciano intravedere la luce del bianco candido e le linee geometriche sono sporcate dal concetto di taglio vivo, assolutamente rough.Tecniche sartoriali tradizionali, materiali puri made in Italy: anche i piccoli dettagli possono rendere speciale un semplice tube dress... Taglia 40.

...Ma non sono forse le piccole cose a far cambiare il mondo?
Il cuore di ogni donna accoglie tutte le emozioni di una vita: amore e passioni, ma anche dolore. Il cuore come motore delle emozioni e motore del corpo: è indispensabile difenderlo e proteggerlo e la prevenzione è il primo passo
”. Gianni Serra

LEITMOTIV
Il Red Dress si integra con la collezione P/E 2010 dal titolo Readymade ed ispirata all’artista Joseph Cornell.
La stampa dell’abito, punto di forza e di identità per le creazioni Leitmotiv, racchiude in un pattern denso e vorticoso di linee concentriche, l’idea dell’intreccio, delle tracce di memoria che costituivano la poetica dell’artista americano.
L’abito, in seta, esalta il corpo femminile fasciandone la parte superiore e volteggiando leggera nella parte inferiore. Abbinato: cappellino rotondo in seta. Taglia 40.

Finanziare la ricerca attraverso la moda significa per noi poterci esprimere nel nostro linguaggio raggiungendo uno scopo nobile che speriamo dia sempre maggiori risultati nel tempo. Sensibilizzare le donne alla prevenzione attraverso la creazione di un abito e' un'iniziativa che certamente richiama l'attenzione nel modo più elegante possibile.” Leitmotiv

MARCO DE VINCENZO
Due pezzi composto da un abito in lycra stampa a aerografo con sopragonna realizzata in lycra e fasce di neoprene termosaldato in nuance rosso degradé. Taglia 40.

Ringrazio Elizabeth Arden, Vogue Italia e Altaroma per avermi dato questa opportunità. Creare un abito per le donne è stato un gesto naturale e supportare la ricerca servendosi della bellezza, una piacevole scoperta” Marco De Vincenzo

MOI MULTIPLE
L’abito couture di Moi Multiple è realizzato in organza di seta doppia e crinolina. È una taglia 40. Creato da sei metri di organza, è ispirato al movimento del vento e del contrasto tra movimento e fissità, tra la trasparenza dell’organza e la sua innata rigidità. La “stampa”, dall’effetto naturale, è stata ottenuta mettendo in posa per 12 ore la seta su lastre industriali di ferro in modo da arrugginire l’organza creando un effetto unico.

Sono onorata e felice che il mio abito abbia ricevuto il premio Tribute to Red Dress, e per aver a mio modo contribuito al lavoro della Fondazione Italiana per il Cuore. Devo ringraziare Vogue italia ed il concorso Who Is On Next? per aver aiutato il successo del mio lavoro durante quest’anno, ed Elizabeth Arden italia per il supporto alla mia creatività”. Anna Ceccon

VILLADOR
La borsa rossa di Villador è in camoscio, il grande fiocco è un omaggio alla couture italiana e al grande maestro Valentino. Le misure sono: cm 30x45.

Il progetto Red Dress Italia a favore della ricerca promossa dalla Fondazione Italiana per il Cuore merita sostegno e qualsiasi modo possa essere di aiuto è benvenuto, spero che la mia borsa dia il supporto necessario e che il grande fiocco che la contraddistingue diventi il simbolico fiocco di un grande piccolo regalo”. Bruno Laurenzano

Si ringrazia A.K.Mariani ® courtesy Altaroma per le foto



Oggi puoi fare la tua offerta e aiutarci a raccogliere fondi da destinare alla ricerca.
Contattaci per avere maggiori informazioni su come aggiudicarti una delle creazioni esclusive Tribute to Red Dress 2009 e diventare sostenitore del progetto.
Saremo felici di raccontarti il nostro mondo fatto di moda e di bellezza. Che nasce dal cuore!

Red Dress Italia ringrazia Elizabeth Arden, Vogue Italia e Altaroma per il supporto ricevuto nel 2008 e nel 2009 e per aver reso possibile parlare alle giovani donne attraverso la magia della moda e del beauty.

Il nostro grazie va anche a Anna Francesca Ceccon, David Wyatt, Marco De Vincenzo, Daniele Michetti, Fabio Sasso e Juan Caro, Gianni Serra e Bruno Laurenzano per aver accettato con entusiasmo il nostro invito ad essere ambasciatori nella Moda della Campagna Red Dress Italia 2009 e ad Anna Foglietta, madrina di Red Dress Italia 2009.

“Tutti noi, senza esclusione, abbiamo un dovere nei confronti delle giovani generazioni e ci aspetta un grande lavoro di informazione e di prevenzione per il futuro: le malattie cardiovascolari sono patologie silenziose ma determinate, e occorre unire tutte le forze per informare correttamente i giovani, e non solo loro, ad impostare un corretto stile di vita per salvare molte vite umane e ridurre sofferenza e disabilità”.

b a c k
t o p